Skip to content

SCARICARE APP BLABLACAR


    La community di carpooling con oltre 65 milioni di utenti verificati. Offri o trova un passaggio e risparmia fino al 75% sul costo dei tuoi viaggi! BlaBlaCar ti consente di condividere un viaggio in auto con viaggiatori che vanno nella tua stessa direzione. Potrete così condividere il percorso, risparmiando. La app collega gli autisti e i passeggeri con la stessa destinazione e che vogliono condividere le spese di viaggio, rendendo così il tragitto più piacevole per tutti. Tra le app che stanno riscuotendo maggiore successo sicuramente c'è BlaBlaCar, il servizio online che permette di viaggiare in auto a prezzi contenuti. Con blablacar è tutto più semplice, basta scaricare l'applicazione e in breve tempo si è in grado di trovare una macchina, una persona alla.

    Nome: app blablacar
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
    Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
    Dimensione del file:17.35 MB

    È sicuramente un servizio che funziona, ma ci sono alcuni meccanismi che non condivido. Quando formulo la mia offerta di passaggio posso scegliere il costo del passaggio per il passeggero solo in un range di prezzi pre-impostato da blablacar, e spesso il prezzo massimo che posso richiedere è inferiore a quello che proporrei se potessi scegliere liberamente.

    Risposta dello sviluppatore , Ciao, grazie per il tuo feedback. Ovviamente, i costi legati al viaggio possono variare a seconda del tipo di auto. Ecco perché hai sempre la possibilità di aumentare o diminuire l'importo che ogni passeggero deve corrisponderti, entro un certo limite. Hai sempre la possibilità di indicare un punto di ritrovo a tua scelta, ti basta inserire l'indirizzo nella casella dove inserisci il nome della località. Come passeggero non sei obbligato a pagare nulla né per effettuare una ricerca e vedere le offerte di viaggio, né per contattare i conducenti prima di prenotare.

    L'acquisto di un'opzione di accesso al servizio ti viene proposto solo nel momento in cui cerchi di prenotare.

    Ne è prova il successo crescente di BlaBlaCar, la piattaforma di passaggi in auto leader nel settore, usata abitualmente da 20milioni di persone nei 19 Paesi in cui è presente, e che vede l'Italia tra i primi in classifica. Nella settimana della mobilità sostenibile il network sviluppatosi parallelamente in Francia e nel nostro Paese, ha ricevuto un finanziamento da milioni di dollari, il più ingente di quelli ottenuti da un'azienda europea, "per consolidare e accelerare i mercati in cui siamo già presenti - spiega all'Adnkronos Andrea Saviane, country manager di BlaBlaCar Italia - ed espandere il network ad altri Paesi anche fuori dall'Europa come già iniziato in India e Messico con l'obiettivo di arrivare un giorno a una piattaforma internazionale che consenta, ovunque si vada, di viaggiare con il sistema dei passaggi in auto".

    Spostamenti gettonati soprattutto nei weekend quando molti lavoratori fuori sede tornano a casa. Se pensiamo ad esempio a tutte le medie città italiane che non sono efficacemente collegate dalla rete ferroviaria, BlaBlaCar non solo costituisce un'alternativa molto più economica ma è anche un'alternativa molto più veloce".

    Disponibile gratuitamente per Android e iOS. Utile soprattutto per muoversi in auto in città, dunque per brevi percorrenze, pagando per il tempo in cui si noleggia la macchina.

    Anche qui servirà crearsi un profilo e inserire una carta di credito valida per il pagamento. Enjoy è disponibile gratuitamente per Android e iOS. Leggi anche: Le 4 App per il viaggio perfetto! Per fare chiarezza cosa deve fare uno — di Nicoletta Cottone Chi fa carpooling taglia di 27 chili le sue emissioni.

    E migliora la sicurezza Chi fa carpooling taglia fino a 27 chilogrammi delle sue emissioni di CO2 annuali. O vuoi cucinare e ti manca un ingrediente che trovi solo nel tuo paese d'origine?

    L'ultima "blablacar per gli oggetti" che si sta facendo strada nasce dall'idea di una giovane italiana, Silvia Di Stefano, laurea in — di Francesca Cerati Perché sono tornato dagli USA per fare imprese anche culturali!