Skip to content

SCARICARE MUSICA ILLEGALMENTE SANZIONI


    ter precisa che sia punibile con la sanzione amministrativa pecuniaria di che è da considerarsi illegale anche il comportamento di chi mette a che a pagamento, è legale (per approfondimenti: Scaricare musica gratis. Da SoundCloud a Amazon Music, passando per Jamendo e numerose altre piattaforme, oggi il download legittimo di musica è una realtà. Ecco cosa si rischia a scaricare illegalmente film e musica da internet i trasgressori possono ricevere multe molto elevate: "La sanzione va. Rischi streaming e download illegale: una breve guida guardare un film in streaming o di scaricare dei brani musicali tramite software di file senza scopi di lucro, rischia una sanzione penale, di tipo pecuniario fino a Leggi · Guarda · Attualità · Cultura · Musica · Cibo · Tecnologia · Identità · Salute Cosa rischia effettivamente chi scarica un film illegalmente—e sta comunque compiendo un illecito che prevederebbe una sanzione amministrativa. a un privato—per scaricare file protetti da diritto d'autore o per gestire il.

    Nome: musica illegalmente sanzioni
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
    Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
    Dimensione del file:35.70 MB

    Cerca su CdT Diritti d'autore e web, lotta alla pirateria più incisiva Il Consiglio federale ha approvato la revisione della legge di riferimento che lo prevede: anche in futuro dovrebbe essere sempre possibile scaricare musica, film o libri senza incorrere in sanzioni Di ats Cronaca Diritti d'autore e web, lotta alla pirateria più incisiva BERNA - In futuro, dovrebbe essere sempre possibile scaricare dal web musica, film o libri senza incorrere in sanzioni. Tuttavia, per proteggere maggiormente produttori e investitori, spetterà agli hosting provider fare in modo che vengano difesi gli autori, rimuovendo siti illegali e facendo in modo che non vengano ricaricati.

    È quanto prevede il messaggio approvato oggi dal Consiglio federale in merito alla revisione del diritto d'autore. La revisione inviata al Parlamento si pone come obiettivo principale la lotta alla pirateria su Internet, ha dichiarato oggi davanti ai media Simonetta Sommaruga, responsabile del Dipartimento di giustizia e polizia DFGP , spiegando quanto sia stato complicato mettere d'accordo interessi talvolta divergenti.

    Il risultato ottenuto, ha aggiunto la consigliera federale, è un tipico compromesso elvetico che permetterà di adeguare il diritto d'autore all'evoluzione del digitale, "anche se non mi faccio illusioni che possa risolvere tutti i problemi legati alla diffusione di Internet e alla fruizione di opere protette presenti sul web".

    I provvedimenti proposti dal disegno di legge non intendono "criminalizzare" i consumatori. Le misure, ha puntualizzato Sommaruga "sono dirette contro coloro che rendono accessibili in maniera illegale dei contenuti". La pirateria su Internet va contrastata visto il danno economico che causa a produttori e autori, ha aggiunto la ministra di giustizia e polizia. Il modo più semplice per farlo è agire sugli hosting provider in Svizzera, ovvero su coloro che mettono a disposizione dei clienti uno spazio su Internet su cui possono salvare informazioni pagine, siti o applicazioni web.

    Sarà compito loro accertarsi che sui loro server non si insedino piattaforme pirata e rimuovere tempestivamente i contenuti lesivi del diritto d'autore, ha spiegato la consigliera federale socialista.

    La distinzione sulle motivazioni del download eseguito dalle persone denunciate è fondamentale ai fini del procedimento giudiziario in quanto nella scorsa primavera il parlamento europeo di Strasburgo ha approvato una normativa che inasprisce le pene per i "pirati" professionali, ma introduce una notevole tolleranza verso chi lo fa senza fini di lucro e su scala ridotta.

    Chi scarica semplicemente rischia una sanzione amministrativa di euro in base all'art ter. Chi condivide in termini giuridici si chiama "abusiva immissione" senza alcun specifico fine commette un reato punibile con la multa fino a 2.

    Il penale, anche senza scopi lucrativi, commerciali oimprenditoriali, scatta nel momento in cui si mette incondivisione.

    È quanto previsto dall'art. Ma non si tratta di unafattispecie tra le più gravi. Per giunta, èprevista un'oblazione sui generis che, estinguendo ilreato, evita ripercussioni sulla fedina penale.

    Ma, al di là del semplice fatto di diffusionetelematica, se c'è un fine di lucro, unadetenzione per scopi commerciali o imprenditoriali, unavendita, una locazione, ecc. Valgono in pieno le regole degli artt. In più, si applicano non meno pesanti sanzionipecuniarie amministrative.

    Ecco cosa dice l'art. Se il prezzo non è facilmente determinabile, la violazione è punita con la sanzione amministrativa da euro ,00 a euro , La sanzione amministrativa si applica nella misura stabilita per ogni violazione e per ogni esemplare abusivamente duplicato o riprodotto".

    Per farci due calcoli, un album da 25 euro sconterebbe 50euro di sanzione. Twitter Tra novembre e dicembre del la Guardia di Finanza, su disposizione del gip del Tribunale di Roma, ha effettuato il più grande oscuramento congiunto di siti illegali che offrono contenuti in streaming e download.

    In poche ore è stato impedito l'accesso a più siti internet che nei tre anni precedenti, ma non è soltanto il numero a far pensare che ci sia stato un giro di vite significativo nella lotta alla pirateria online.

    Le nuove misure , infatti, cercano di risalire a ritroso la china del denaro ottenuto da questi siti per rintracciare gli individui che vi si nascondo dietro.

    Questo cambiamento di strategia sarà realmente in grado di mettere fine all'epoca in cui ogni singolo contenuto video era reperibile gratis online con estrema facilità? E al di là di questo, le conseguenze riguarderanno solamente i fornitori di questi servizi illegali?

    Cosa rischia effettivamente chi scarica un film illegalmente—e magari lo ricondivide in sistemi di peer-to-peer—o lo guarda direttamente in streaming? Per capirlo ho contattato l'avvocato Fulvio Sarzana, esperto in diritto delle nuove tecnologie, che da anni cura un blog in cui si occupa di questi temi.