Skip to content

730 PRECOMPILATO 2015 SCARICARE


    Come scaricare il Modello / precompilato tramite PIN INPS: download e gestione della dichiarazione dei redditi, guida completa. Software di compilazione Richiesta Precompilato. Scarica il software. Versione del 13/04/ Indipendentemente dal sistema operativo, per. FIRENZE – Manca ormai poco all'arrivo (esclusivamente on-line, dal 15 aprile ) del nuovo modello «precompilato» messo a. On line da salvare e scaricare il modello editabile in una specifica area del suo sito internet, il precompilato, a cui si accede. Dal 15 aprile è possibile scaricare il precompilato, la dichiarazione dei redditi già compilata in parte dall'Agenzia delle entrate sulla.

    Nome: 730 precompilato 2015
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
    Dimensione del file:57.25 MB

    730 PRECOMPILATO 2015 SCARICARE

    Possono utilizzare la dichiarazione precompilata i lavoratori dipendenti e assimilati e i pensionati: ovvero coloro i quali hanno i requisiti per presentare il modello Tavola n.

    In caso di errori occorre trasmettere un nuovo file. Per le richieste regolarmente pervenute entro il 14 aprile, le dichiarazioni sono rese disponibili entro 5 giorni a partire dal 15 aprile. Le deleghe acquisite vanno numerate e annotate, giornalmente, in un apposito registro cronologico, con indicazione dei seguenti dati: - numero progressivo e data della delega; - codice fiscale e dati anagrafici del contribuente delegante; - estremi del documento di identità del delegante.

    A tal fine potrà richiedere, a campione, copia delle deleghe e dei documenti di identità indicati nelle richieste di accesso alle dichiarazioni precompilate. Se la dichiarazione precompilata è in forma congiunta essa va presentata esclusivamente al sostituto che presta assistenza fiscale, al CAF o al professionista abilitato.

    Ma rispetto allo scorso anno c'è una novità significativa: in analogia con quanto avviene per il precompilato, i controlli dell'Agenzia delle Entrate ricadranno fondamentalmente sugli intermediari, i quali - dopo aver apposto il proprio visto di conformità - risponderanno anche dell'eventuale maggiore imposta dovuta.

    Una garanzia ed una comodità per il cittadino, che tra l'altro non avrà più l'onere di conservare i documenti anche se sarà sempre responsabile qualora abbia detto il falso ad esempio sul diritto soggettivo a fruire di una certa detrazione.

    Ma questi vantaggi hanno un prezzo: a differenza di quanto avveniva gli anni scorsi, i Caf chiederanno un corrispettivo anche quando ricevono una dichiarazione già riempita in tutte le sue parti, semplicemente da inviare, e dunque non devono prestare assistenza fiscale. In caso di richiesta online o al telefono, si riceve la prima parte del Pin, mentre le ultime cifre arrivano a casa via posta.

    Dichiarazione 730 precompilata 2016: come accedere

    Come inviare le ricevute che attestano spese inserite nel precompilato. Basta indicare il totale delle spese nei riquadri appositi del modulo online.

    Non è necessario firmare nulla. I dati loro riferibili sono: quote di interessi passivi e relativi oneri accessori per mutui in corso, premi di assicurazione sulla vita e contributi previdenziali e assistenziali.

    Sarà comunque possibile continuare a presentare, sempre entro il 7 luglio, il ordinario senza ricorrere al modello precompilato.

    Inoltre, se la dichiarazione viene presentata tramite un intermediario, il controllo documentale verrà svolto nei confronti del Caf o del professionista che ha apposto il visto di conformità sulla dichiarazione. Le stesse agevolazioni sono previste anche se il viene presentato tramite un intermediario con le modalità ordinarie. Resta ferma, comunque, la possibilità di effettuare controlli nei confronti del contribuente per verificare la sussistenza dei requisiti soggettivi che danno diritto a detrazioni, deduzioni e agevolazioni.